CSP14 - Sull'abbondanza e sulla legge d'attrazione
Play • 14 min
Si fa un grande parlare di abbondanza, di ricevere di più, di legge dell'attrazione, ma come funziona davvero la legge d'attrazione?

Ci sono tre fattori che influenzano l'abbondanza: Il karma - la nostra apertura a ricevere - quanto ciò che facciamo influenza gli altri.

La prima cosa che è necessario considerare però è che l'abbondanza non funziona a livello egoico, o meglio possiamo essere ricchi, avere molto denaro, ma questa non è abbondanza, è semplicemente accumulo.

Il karma - il Buddha dice che ci sono persone che vanno dal buio alla luce, altre dalla luce alla luce, altre dalla luce al buio, altre dal buio al buio. Questa metafora spiega molto bene come ciò che agiamo nel mondo influenza la direzione che prende la nostra vita.

La nostra apertura a ricevere: se noi pensiamo intimamente di non meritare, di non valere, di non essere utili, chiaramente questo influenza la nostra capacità di accogliere abbondanza nelle nostre vite.

Ma anche in questo caso la percezione può essere egoica, ovvero nutrire l'ego e generare accumulo di beni, oppure può essere realmente di abbondanza.

Definiamo abbondanza. Una persona può essere economicamente abbiente, ma povera nell'essere, perché nutre emozioni negative.

Chiediamoci quali emozioni nutriamo dentro di noi. Condivisione, armonia, accettazione dell'altro sono la vera abbondanza.

Può anche essere abbondanza di beni materiali, ma questo è influenzato da quanto ciò che facciamo influenza gli altri. Più questa sfera è ampia, più ampio sarà ciò che ci torna.

Evocare la legge d'attrazione per guadagnare di più, a mio avviso, è un pensiero erroneo alla base. Un pensiero corretto potrebbe invece chiedersi cosa sto facendo che restituisce qualcosa di buono al mondo.
Search
Clear search
Close search
Google apps
Main menu