Dannati Architetti
Dannati Architetti
Dec 24, 2021
Richard Rogers
Play • 24 min
“Non si può pensare un’architettura senza pensare alla gente” diceva Richard Rogers. Nato a Firenze nel 1933 poi trasferitosi a Londra con lo scoppio della guerra, era figlio del cugino dell'architetto italiano Ernesto Nathan Rogers, figura che lo influenzò nella scelta del percorso di studi, poi completato con successo presso l’AA School di Londra e la Yale University di New Haven. Nel 1964 fondò il Team 4 insieme a Su Brumwell, sua ex moglie, e alla coppia Norman Foster e Wendy Cheesman. Il collettivo contribuì alla definizione della nuova corrente High Tech, portata vanti nel 1971 con Renzo Piano in occasione della progettazione del Centre Pompidou. Rogers, l’architetto con le bretelle ed il sorriso sempre smagliante, letteralmente giocava con le strutture come fossero pezzi del Meccano giganti dai vivaci colori pop! È passato dalle cromature del londinese Lloyds Building all’arcobaleno dell’aeroporto di Madrid-Barajas, i cui pilastri biforcuti sorreggono una sinuosa onda in copertura. Tantissimi i riconoscimenti, fra questi il Premio Imperiale, il Leone d'oro e il Premio Pritzker ricevuto nel 2007. La sua recente scomparsa lascia un grande vuoto nel mondo dell’architettura. Ripercorriamo insieme la sua storia e i suoi progetti.

📗 Capitoli

(00:00) L'infanzia e la prima formazione
(02:34) Gli studi all'AA School e l'esperienza americana alla Yale University di New Haven
(03:45) Il Team 4
(07:15) Richard and Su Rogers Architects
(09:16) Piano + Rogers e l'architettura inside-out
(12:32) il Lloyd's Building di Londra e le opere della maturità
(16:35) Rogers uomo: l'impegno politico e sociale
(20:44) Conclusioni

🍿 Unisciti al Club di Dannati Architetti: https://mariachiaravirgili.com/club

ℹ️ Tutte le risorse: https://linktr.ee/dannatiarchitettipodcast

♥️ Segui Dannati Architetti su Instagram: https://instagram.com/dannatiarchitettipodcast

🔔 Segui Dannati Architetti su Youtube: https://youtube.com/c/archicomica

📸 Dannati Architetti su Pinterest: https://www.pinterest.it/archicomica/dannati-architetti-podcast/

💬 Segui Dannati Architetti su Telegram: https://t.me/dannatiarchitettipodcast

📖 I libri consigliati da Dannati Architetti:
https://www.amazon.it/shop/dannatiarchitettipodcast?listId=2HSRBRT11NWHH

📍La mappa di Dannati Architetti: https://go.mapstr.com/fg63ZCMeu9

🙌 Sostieni il progetto: https://ko-fi.com/dannatiarchitettipodcast

📧 Iscriviti alla newsletter per seguire il podcast via email: https://eepurl.com/gTkPLv

🎙️Audio Stuff: https://www.amazon.it/shop/dannatiarchitettipodcast?listId=1OJAWBXR835ZG

🎶 Musiche: Who's Using Who? by The Mini Vandals; Like Lee by The Mini Vandals; My Peeps by Aaron Lieberman; Swing Theory by The Freedom Trail Studio; Sunday Stroll by Huma Huma; Doctor True by Jingle Punks; Windswept by Ann Annie; The hardest part by Jeremy Blake; Rocking chair by Unicorn Heads; I drank alone by TrackTribe; Casual desire by Ugonna Onyekwe; Remember September - Freedom Trail Studio; My Train's A Comin' - Unicorn Heads; A New Orleans Crawfish Boil - Unicorn Heads; Light Expanse - Unicorn Heads; Modern Situations - Unicorn Heads; Images of Tomorrow - Unicorn Heads; Super Blues - Unicorn Heads; Six Feet off the ground - Nana Kwabena; Passing Time - Kevin McLeod; Song for Micheal - Magic in the other; Song of mirrors - Unicorn Heads; Your Suggestion - Unicorn Heads; Land’s end - Underbelly; The future ancient now - Nathan Moore.
More episodes
Search
Clear search
Close search
Google apps
Main menu