CBI To Go 2.02 | Com’è la tua giornata tipica? - What is your daily routine?
24 min

Welcome to the second episode of our new Coffee Break Italian To Go podcast in which we’re in Stresa on the shores of Lake Maggiore, with Francesca, talking to native speakers about a variety of topics. In this episode we’re asking the question com’è la tua giornata tipica? (What is your daily routine?). We’ll listen to all of the interviews with Francesca out and about, while Mark is back in the studio and he’ll help you understand all the responses. Please note all interviews were filmed before lockdown.


Our Coffee Break Italian To Go interviews are also available as videos on our website. Click here to watch, and we’d love to hear your answer to this week’s question, so why not leave a comment and let us know if travel is important to you.This season will feature 10 episodes and if you’d like to binge all our video interviews right now and access our comprehensive lesson notes and vocabulary for each lesson, check out our full course in the Coffee Break Academy.

 

See acast.com/privacy for privacy and opt-out information.

Learn Italian with LearnAmo - Impariamo l'italiano insieme!
Learn Italian with LearnAmo - Impariamo l'italiano insieme!
Graziana Filomeno - italiano online
Smettila di ripetere DIRE: Impara 100 Alternative con un DIALOGO in ITALIANO
Avete presente il verbo “dire”? Sì, esatto, uno dei verbi più usati in assoluto nella lingua italiana. Ecco, scommetto che anche voi l’avete detto e ridetto fino alla nausea. E tutti noi siamo arcistufi di sentirlo dire. In questa lezione vi presenterò ben 100 alternative al verbo DIRE che vi torneranno estremamente utili per arricchire il vostro italiano parlato e scritto! Lo so, 100 sembrano tante alternative… ma non vi preoccupate: non ho intenzioni di annoiarvi con una lunga e noiosa lista di parole!  Ancora non l’hai fatto? Resta aggiornato, seguici su YouTube, Facebook, Instagram e Twitter! 100 modi per non dire "dire" in italiano Vedremo tutte le alternative per evitare di usare il verbo DIRE in italiano attraverso un dialogo che ha come protagonisti Alberto e sua madre. Spero che vi piaccia!   “Stamattina a scuola è successo un casino”, esordì Alberto. “Davvero? Cos’è successo”, chiese la mamma. “Dei miei compagni hanno messo una gomma masticata sulla sedia della professoressa, la quale è andata su tutte le furie e ha chiamato la preside…”, spiegò lui. “Ma siete matti? Ma che diavolo di scherzi sono!”, urlò lei. “Mamma, è inutile che ti arrabbi, io non c’entro nulla!”, la rassicurò. “Sei sicuro? Non so perché ma ho la sensazione che c’entri qualcosa anche tu!”, insisté lei. “Tutte le volte che succede qualcosa pensi sempre che sia colpa mia!”, protestò Alberto. “Per forza, perché alla fine scopro sempre che avevo ragione!”, lo aggredì la mamma. “E va bene, è colpa mia. Ho fatto una scommessa con i miei compagni e ho convinto un mio amico a mettere la gomma sulla sedia della prof. Ma non pensavo che sarebbe finita così male!”, piagnucolò il giovanotto. “Non voglio sentire scuse! Quello che hai fatto è imperdonabile!”, si infuriò lei. “Hai ragione, mamma. Mi dispiace. Non succederà più.”, frignò lui. “Ascoltami bene giovanotto: se si dovesse ripetere una cosa del genere sarò costretta a mandarti al collegio. Evidentemente hai bisogno di qualcuno che ti insegni le buone maniere”, sibilò lei, visibilmente adirata. “Al.. al c-collegio?”, balbettò lui, tremando. “Sì, al collegio! Ora fila a letto senza cena!”, gridò lei. Alberto rimase seduto sul divano con la testa fra le mani, arrabbiato e oppresso dal senso di colpa. Sapeva di averla fatta grossa. - “Forse, se confessassi, la prof. mi darebbe una punizione meno grave…”, ipotizzò. - “Sì, domani appena arrivo a scuola vado dalla prof e confesso tutto. Le chiederò scusa e la supplicherò di essere clemente”, decise.   Bene, che ve ne pare? Avete visto quante alternative a “dire” ci sono? Tuttavia, quelle che avete appena visto sono solo alcune delle tante. Vediamole tutte:   Iniziare col piede giusto All’inizio, per esempio, troviamo il verbo ESORDIRE, il quale fa parte di quella categoria di alternative a “dire” che si usano PER INIZIARE UN DISCORSO. Fanno parte di questa categoria:   COMINCIARE - INIZIARE - ATTACCARE - ESORDIRE   La più usata dai genitori Successivamente, troviamo la categoria di alternative che include i verbi PER FARE DOMANDE o PER DARE ORDINI. In questa categoria rientrano: CHIEDERE - DOMANDARE - PROPORRE - PREGARE - SCONGIURARE - IMPLORARE - SUPPLICARE - INSISTERE - INCALZARE - ESORTARE - INTERROGARE - INTERPELLARE   Per saperne di più A seguire, la terza categoria di alternative a “dire” è quella dei verbi INFORMATIVI, che si usano per dare notizie o informazioni: ANNUNCIARE - AVVERTIRE - INFORMARE - AVVISARE - RACCONTARE - SPIEGARE - SUGGERIRE - CONSIGLIARE - DICHIARARE - PROCLAMARE - COMUNICARE - RIFERIRE - RIVELARE - CONFESSARE   Ogni tanto bisogna sfogarsi La categoria che segue include i verbi che ESPRIMONO RABBIA:   GRIDARE - URLARE - STRILLARE - IMPRECARE - INFURIARSI - INSULTARE - SGRIDARE - AGGREDIRE - SIBILARE - ZITTIRE - RIMPROVERARE - INVEIRE   Quando non sei d'accordo Un’altra categoria di alternative molto importante è qu...
10 min
Italian Podcast
Italian Podcast
Linguistica 360
News in Slow Italian #411- Italian Grammar, News and Expressions
Cominceremo con la presentazione, fatta lunedì dal Presidente eletto, Joe Biden, della sua squadra di politica estera. Subito dopo, ci occuperemo dell’ex presidente francese, Nicolas Sarkozy, sotto processo per corruzione. Poi, parleremo del lancio globale di una nuova funzione di Twitter, chiamata fleet, che consiste in contenuti che scompaiono in automatico. Infine, concluderemo questa prima parte della trasmissione con l’insolita decisione del famoso teatro dell’Opera di Madrid, El Teatro Real, di rimanere aperto, nonostante la pandemia.   Nel segmento Trending in Italy parleremo della mozione, approvata dal Consiglio comunale della città di Torino, che prevede di formare gli insegnanti di asili nido e scuole dell’infanzia sui temi della cosiddetta “pedagogia di genere”. Poi, discuteremo dello strepitoso successo della linea di abbigliamento, lanciata la scorsa settimana dalla catena di supermercati low-cost Lidl, che è andata letteralmente a ruba, soprattutto tra i giovani. - Cosa rivelano le candidature della squadra di politica estera di Biden? - Nicolas Sarkozy si presenta in tribunale, accusato di corruzione - I fleet di Twitter sono ora in tutto il mondo - Lo spettacolo deve continuare anche durante la pandemia! - A Torino gli insegnanti seguiranno corsi formativi sulla pedagogia di genere - In Italia esplode la mania per la linea di abbigliamento della Lidl
6 min
More episodes
Search
Clear search
Close search
Google apps
Main menu